Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

Psicosi persistente associata all’uso della Salvia divinorum


La Salvinorina A, una sostanza psicoattiva contenuta nella Salvia divinorum, è un agonista selettivo del recettore kappa degli oppioidi, con potenti proprietà allucinogene.

E’ stato presentato il caso di un giovane uomo di 21 anni con nessuna storia familiare o personale di malattia psichiatrica, trasferito al Reparto di Psichiatria per psicosi e paranoia, che si erano presentate subito dopo aver fumato foglie di Salvia.

Alla presentazione il paziente ha dimostrato ecolalia ( disturbo del linguaggio ), paranoia, agitazione psicomotoria.
Il paziente è rimasto agitato per i primi 2 giorni di ospedalizzazione.
Gli è stato somministrato Risperidone ( 3 mg per bocca, 3 volte al giorno ). Il dosaggio dell’antipsicotico ha provocato manifestazioni parkinsoniane ( rigidità, bradichinesia e facies a maschera ).

Il paziente è stato trasferito in un Reparto specializzato nel trattamento delle Tossicodipendenze.
Il trattamento con Risperidone è stato ridotto. Nel corso della fase di attenuazione della posologia, il paziente ha continuato a migliorare e ha manifestato processi di pensiero logico.

Un giorno dopo la sospensione del Risperidone, tuttavia, i sintomi sono improvvisamente ritornati, manifestando agitazione, paranoia, e aggressività.
Il paziente è stato di nuovo trasferito nel Reparto di Psichiatria e gli è stato somministrato Risperidone ( 3 mg per bocca, 2 volte die ).

Al quarto mese di follow-up il paziente non ha mostrato nessun percettibile segno di miglioramento.

Questo è il primo caso riportato di un persistente esito negativo con l’uso della Salvia.
Si ritiene che il paziente fosse geneticamente predisposto alla schizofrenia, e che la Salvia abbia precipitato le manifestazioni cliniche. Questo può essere correlato alla capacità della Salvia di influenzare i livelli di dopamina nel nucleus accumbens.
Da ciò emerge che la Salvia può essere associata a malattia psichiatrica. ( Xagena2009 )

Fonte: American Journal of Psychiatry, 2009
Psyche2009 Farma2009


Indietro