Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Rosmarino, stimolante l'appetito e le funzioni digestive


Il rosmarino ( Rosmarinus officinalis ) è un arbusto sempreverde della famiglia delle labiate; il fusto è prostrato, legnoso si espande in modo non regolare, la foglia è piccola, lineare e opposta di colore verde scuro sulla pagina superiore, biancastra nella pagina inferiore.

I fiori sono disposte in spighe di colore azzurro pallido. L'odore è intenso di incenso e canfora il sapore è astringente.

Il rosmarino vive spontaneo nella macchia mediterranea ed è anche ampiamente coltivato.

Il nome di rosmarino deriva da ros ( rugiada ) e marinum ( marino ), proprio perchè questa pianta vive in prossimità del mare.

I romani consideravano il rosmarino pianta magica e simbolo dell'amore.

Nella cucina viene usato per aromatizzare carni, cacciagione, verdure e focacce.

Il suo contenuto in olii essenziali( borneolo, pinene, canfene ), saponosidi ed acidi organici gli conferiscono le sue numerose proprietà farmacologiche.

La droga è costituita dai rametti con le foglie.

Il rosmarino viene adoperato come digestivo, antispasmodico, antisettico e rubefacente.

Il rosmarino ( soprattutto l'olio essenziale ricco di canfora ) è controindicato nelle persone che soffrono di epilessia.

Per uso interno

Per favorire la digestione,la diuresi e calmare la tosse

1 gr in 100 ml di acqua come infuso

2 gr in 100 ml di vino come tintura vinosa


Per uso esterno

Per purificare la pelle ,contusioni e reumatismi: 5 gr in 100 ml di acqua per bagni parziali e impacchi. ( Xagena2007 )

Simona Luongo, Farmacista, Sassari



Indietro